avvocati.it

giuffreformazione corso magistratura trani

Casi concreti

Più commentati


Tutti i tag

04-06-2012

Famiglia E Successioni

Assegno di mantenimento per il figlio residente con il padre

L'ex moglie è tenuta a versare l'assegno di mantenimento per il figlio, che ha deciso di andar a vivere con il padre?


Il caso

Un uomo separato, i cui figli venivano affidati alla ex moglie, versava un assegno mensile di circa 400 € a testa. Tuttavia, il figlio maggiore decideva di andare a vivere con il padre a causa dei continui litigi con la madre e con il suo nuovo compagno (che tra l'altro viveva nella casa familiare). Da quel momento l’ex marito versava solo l'assegno di mantenimento per l'altro figlio che viveva ancora con la ex-moglie, mentre quest’ultima si rifiutava di provvedere al mantenimento del figlio maggiore. E’ possibile in qualche modo far sì che la madre partecipi al suo mantenimento? È inoltre possibile chiedere gli alimenti arretrati?



La soluzione

Atteso il mutamento effettivo della situazione statuita in separazione, sarà possibile richiedere al Tribunale o la modifica delle condizioni di separazione con cui formalizzare la circostanza che uno dei figli vive con il padre e chiedere che la ex moglie versi un contributo per il mantenimento dello stesso, a condizione, ovviamente che il ragazzo non sia divenuto economicamente autonomo.

Le stesse richieste potranno essere eventualmente formulare promuovendo la procedura di divorzio, essendo trascorsi più di tre anni dalla separazione.

In nessun caso potranno invece essere richiesti gli arretrati, posto che non esiste allo stato una pronuncia dell'autorità giudiziaria che imponga alla ex moglie di concorrere al mantenimento del figlio.

Nessun commento su questo argomento.
Questa sezione è accessibile solo ad utenti loggati. login

Parole chiave

logo

Avvocati.it si rinnova!

Avvocati.it è stato il primo portale italiano sul web, interamente dedicato ai servizi per gli studi legali.
Nato nel 2000, per rispondere alle esigenze in costante evoluzione del mondo giuridico e della professione forense, in pochi anni il sito è riuscito a focalizzare l’interesse di oltre 15 milioni di visitatori che hanno contribuito, in modo del tutto spontaneo, a farlo diventare uno dei siti giuridici più importanti del panorama italiano, perchè ricco di strumenti di facile utilizzo e di materiali da consultare, sempre nel pieno rispetto della deontologia forense.
Dieci anni di costante crescita - sia come numero di visitatori che come pagine visitate - sempre ai vertici di molti motori di ricerca.
Era giunto il momento di andare oltre e di raggiungere insieme un nuovo importante obiettivo: trasformare Avvocati.it da sito di utilità quotidiana a luogo d'incontro per tutti coloro che vogliono formarsi e informarsi sul "pianeta avvocati".
Siamo partiti dalla ricostruzione grafica e non è stato semplice ripensare la struttura di un sito che per tutto questo tempo è rimasto praticamente immutato.
Abbiamo cercato di conservare quel senso di ambiente familiare, quasi privato, trasformando il portale in uno spazio più ampio, in cui incontrarsi, partecipare e dove condividere con gli altri utenti nuovi contenuti.
E’ in questa logica dell’incontro che abbiamo realizzato il nuovo Avvocati.it, una Piazza Virtuale, in cui passeggiare tra le diverse sezioni per incontrare colleghi con cui scambiare osservazioni e commenti, lasciare propri contributi e parlare del proprio quotidiano, utilizzare gli strumenti già ampiamente conosciuti. Il tutto con la stessa libertà di azione che ha sempre contraddistinto Avvocati.it.
La missione di Avvocati.it non cambia: fornire al professionista gli strumenti più adatti per migliorare l'efficienza della propria organizzazione e per contribuire alla propria crescita professionale.
non visualizzare piu chiudi