avvocati.it

correggimi 2014

News

Più commentati


Tutti i tag

correggimi

26-09-2012

Professione

Avvocato antistatario: il cliente rifiuta l’assegno, ma chi paga le spese legali?

La compagnia assicurativa stacca l’assegno, comprensivo di spese legali, in favore del danneggiato, che lo rifiuta perché il suo avvocato si è dichiarato antistatario. In realtà, secondo la Cassazione, - sentenza n. 14810/2012 - avrebbe dovuto riscuotere e, poi, liquidare l’avvocato.


 

 

Il caso. Una compagnia assicurativa - condannata al risarcimento danni - stacca un assegno di oltre 3mila euro a copertura della somma liquidata in sentenza, comprensiva delle spese legali. Tuttavia, l’intestatario dell’assegno rifiuta il pagamento perché le spese legali spettano al proprio avvocato che, a suo tempo, si era dichiarato antistatario. La Compagnia assicurativa allora propone opposizione al precetto di pagamento, accolta in entrambi i gradi di giudizio. L’uomo a sua volta propone ricorso per cassazione, osservando che il rifiuto dell’assegno inviatogli dalla società «non era pretestuoso, perché comprendeva le spese di spettanza del difensore, il quale aveva dichiarato di essere antistatario e aveva anche proposto appello per la mancata distrazione delle spese processuali».

 

Il giudizio di legittimità. La S.C. ritiene infondato il motivo di ricorso e precisa che la compagnia assicurativa, in base al precetto, risultava debitrice esclusivamente del danneggiato, anche per le spese processuali, per cui correttamente aveva inviato il pagamento dell’intera somma allo stesso avente diritto. Irrilevante perciò - continua la Cassazione - il fatto che il difensore abbia richiesto la distrazione delle spese in suo favore. In particolare, fra il difensore e la parte soccombente si instaura un rapporto autonomo rispetto a quello fra i contendenti. Per cui, rimane integra la facoltà dell’avvocato di rivolgersi al cliente per la parte di credito professionale che eccede la somma liquidata dal giudice, nonché di «richiedere al proprio cliente l’intera somma dovutagli, per competenze professionali e spese, nonostante la distrazione disposta».

Nessun commento su questo argomento.
Questa sezione è accessibile solo ad utenti loggati. login

Parole chiave

logo

Avvocati.it si rinnova!

Avvocati.it è stato il primo portale italiano sul web, interamente dedicato ai servizi per gli studi legali.
Nato nel 2000, per rispondere alle esigenze in costante evoluzione del mondo giuridico e della professione forense, in pochi anni il sito è riuscito a focalizzare l’interesse di oltre 15 milioni di visitatori che hanno contribuito, in modo del tutto spontaneo, a farlo diventare uno dei siti giuridici più importanti del panorama italiano, perchè ricco di strumenti di facile utilizzo e di materiali da consultare, sempre nel pieno rispetto della deontologia forense.
Dieci anni di costante crescita - sia come numero di visitatori che come pagine visitate - sempre ai vertici di molti motori di ricerca.
Era giunto il momento di andare oltre e di raggiungere insieme un nuovo importante obiettivo: trasformare Avvocati.it da sito di utilità quotidiana a luogo d'incontro per tutti coloro che vogliono formarsi e informarsi sul "pianeta avvocati".
Siamo partiti dalla ricostruzione grafica e non è stato semplice ripensare la struttura di un sito che per tutto questo tempo è rimasto praticamente immutato.
Abbiamo cercato di conservare quel senso di ambiente familiare, quasi privato, trasformando il portale in uno spazio più ampio, in cui incontrarsi, partecipare e dove condividere con gli altri utenti nuovi contenuti.
E’ in questa logica dell’incontro che abbiamo realizzato il nuovo Avvocati.it, una Piazza Virtuale, in cui passeggiare tra le diverse sezioni per incontrare colleghi con cui scambiare osservazioni e commenti, lasciare propri contributi e parlare del proprio quotidiano, utilizzare gli strumenti già ampiamente conosciuti. Il tutto con la stessa libertà di azione che ha sempre contraddistinto Avvocati.it.
La missione di Avvocati.it non cambia: fornire al professionista gli strumenti più adatti per migliorare l'efficienza della propria organizzazione e per contribuire alla propria crescita professionale.
non visualizzare piu chiudi