avvocati.it

magistratura 2014

News

Più commentati


Tutti i tag

02-09-2010

Lavoro E Processo

NIENTE INDENNITA'DI MATERNITA' AL PADRE LIBERO PROFESSIONISTA

La Corte Costituzionale, con sentenza n. 285, depositata il 27 luglio 2010 ha stabilito che non è incostituzionale la norma sulla tutela della maternità e della paternità (art. 70 del DLgs. 151/2001) nella parte in cui non estende al padre libero professionista, in alternativa alla madre biologica, l’indennità di maternità.


 

Il Tribunale di Firenze aveva riconosciuto il diritto di un avvocato a percepire l’indennità di maternità, in luogo della madre, sulla base del fatto che la madre, non svolgendo attività di lavoro dipendente e non essendo in possesso dei requisiti per l’iscrizione alla Cassa di previdenza, non aveva percepito, in conseguenza della nascita del figlio, alcuna indennità
La Cassa nazionale di previdenza e assistenza forense aveva fatto ricorso contro tale decisione e la Corte d’appello di Firenze aveva sollevato questione di legittimità costituzionale.
La Corte costituzionale dichiara inammissibile la questione di legittimità costituzionale rilevando che le situazioni poste a raffronto sono tra loro differenti, pur essendo esse accomunate dalla finalità di protezione del minore.
La tutela della maternità e della paternità è frutto di un’evoluzione che trova oggi la sua sintesi nel d.lgs. n. 151 del 2001. Diversamente, le norme poste direttamente a protezione della filiazione biologica, oltre ad essere finalizzate alla protezione del nascituro, hanno come scopo la tutela della salute della madre nel periodo anteriore e successivo al parto, risultando, quindi, di tutta evidenza che, in tali casi, la posizione di quest’ultima non è assimilabile a quella del padre.
Sul punto appare significativa la lettura dell’art 28 del d.lgs. n. 151 del 2001, da cui risulta evidente che la posizione del padre naturale dipendente non è, come invece erroneamente sostenuto dalla Corte rimettente, assimilabile a quella della madre, potendo il primo godere del periodo di astensione dal lavoro e della relativa indennità solo in casi eccezionali e ciò proprio in ragione della diversa posizione che il padre e la madre rivestono in relazione alla filiazione biologica.
Alla tutela del nascituro si accompagna, infatti quella della salute della madre, alla quale è finalizzato il riconoscimento del congedo obbligatorio e della collegata indennità. Solo nel caso in cui l’assistenza della madre al minore fosse divenuta impossibile per decesso o grave infermità, la Corte costituzionale (sent. n. 1/1987) ha riconosciuto l’illegittimità costituzionale dell’art. 7 della legge n. 903 del 1977 nella parte in cui non prevedeva che il diritto all’astensione dal lavoro, riconosciuto alla sola madre lavoratrice, fosse attribuito anche al padre lavoratore. Ma non è questo il caso.
Nessun commento su questo argomento.
Questa sezione è accessibile solo ad utenti loggati. login
logo

Avvocati.it si rinnova!

Avvocati.it è stato il primo portale italiano sul web, interamente dedicato ai servizi per gli studi legali.
Nato nel 2000, per rispondere alle esigenze in costante evoluzione del mondo giuridico e della professione forense, in pochi anni il sito è riuscito a focalizzare l’interesse di oltre 15 milioni di visitatori che hanno contribuito, in modo del tutto spontaneo, a farlo diventare uno dei siti giuridici più importanti del panorama italiano, perchè ricco di strumenti di facile utilizzo e di materiali da consultare, sempre nel pieno rispetto della deontologia forense.
Dieci anni di costante crescita - sia come numero di visitatori che come pagine visitate - sempre ai vertici di molti motori di ricerca.
Era giunto il momento di andare oltre e di raggiungere insieme un nuovo importante obiettivo: trasformare Avvocati.it da sito di utilità quotidiana a luogo d'incontro per tutti coloro che vogliono formarsi e informarsi sul "pianeta avvocati".
Siamo partiti dalla ricostruzione grafica e non è stato semplice ripensare la struttura di un sito che per tutto questo tempo è rimasto praticamente immutato.
Abbiamo cercato di conservare quel senso di ambiente familiare, quasi privato, trasformando il portale in uno spazio più ampio, in cui incontrarsi, partecipare e dove condividere con gli altri utenti nuovi contenuti.
E’ in questa logica dell’incontro che abbiamo realizzato il nuovo Avvocati.it, una Piazza Virtuale, in cui passeggiare tra le diverse sezioni per incontrare colleghi con cui scambiare osservazioni e commenti, lasciare propri contributi e parlare del proprio quotidiano, utilizzare gli strumenti già ampiamente conosciuti. Il tutto con la stessa libertà di azione che ha sempre contraddistinto Avvocati.it.
La missione di Avvocati.it non cambia: fornire al professionista gli strumenti più adatti per migliorare l'efficienza della propria organizzazione e per contribuire alla propria crescita professionale.
non visualizzare piu chiudi