avvocati.it

elearning last minute

STRUMENTARIO

Contributo unificato spese atti giudiziari

Dal 1° marzo 2002  cambia la tassazione per le spese degli atti giudiziari.Entra in vigore, infatti, il “contributo unificato di iscrizione a ruolo” che sostituisce tutte le altre imposte finora versate per i procedimenti penali, civili e amministrativi.  Questa nuova forma di tassazione semplifica in maniera determinante la tassazione degli atti giudiziari perché di fatto elimina  le imposte di bollo, la tassa di iscrizione a ruolo, i diritti di cancelleria, nonché i diritti di chiamata in causa dell’ufficiale giudiziario.

DECRETO-LEGGE 4 luglio 2006, n.223

Disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per il contenimento e la razionalizzazione della spesa pubblica, nonche' interventi in materia di entrate e di contrasto all'evasione fiscale. (GU n. 153 del 4-7-2006)

Testo in vigore dal: 4-7-2006 fino al 31-12-2009

Art. 21.
Spese di giustizia
1.
Per il pagamento delle spese di giustizia non e' ammesso il ricorso all'anticipazione da parte degli uffici postali, tranne cheper gli atti di notifiche concernenti procedimenti penali.
2.
Al pagamento delle spese di giustizia si provvede secondo leordinarie procedure stabilite dalla vigente normativa di contabilita'generale dello Stato.
3.
Lo stanziamento previsto in bilancio per le spese di giustizia,come integrato ai sensi dell'articolo 1, comma 607, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, iscritto nell'unita' previsionale di base2.1.2.1 (capitolo 1360) dello stato di previsione del Ministero della giustizia, e' ridotto di 50 milioni di euro per l'anno 2006, di 100 milioni di euro per l'anno 2007 e di 200 milioni di euro a decorreredal 2008.
4.
All'articolo 13 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di giustizia di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, sono aggiunti, in fine, i seguenti commi:
«
6-bis. Per i ricorsi proposti davanti ai Tribunali amministrativi regionali e al Consiglio di Stato il contributo dovuto e' di euro 500; per le istanze cautelari in primo e secondo grado, per i ricorsi previsti dall'articolo 21-bis della legge 6 dicembre 1971, n. 1034, aggiunto dall'articolo 2 della legge 21 luglio 2000, n. 205, per quelli previsti dall'articolo 25, comma 5, della legge 7 agosto 1990, n. 241, e per i ricorsi di ottemperanza il contributo dovuto e' di euro 250. 6-ter. Il maggior gettito derivante dall'applicazione delle disposizioni di cui al comma 6-bis e' versato al bilancio dello Stato, per essere riassegnato allo stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze, per le spese riguardanti il funzionamento del Consiglio di Stato e dei Tribunali amministrativi regionali.».
5.
All'articolo 16 del citato testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, dopo il comma 1, e' aggiunto il seguente: «1-bis. In caso di omesso o parziale pagamento del contributo unificato, si applica la sanzione di cui all'articolo 71 del testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro di cui al decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131, esclusa la detrazione ivi prevista. Del pagamento risponde il difensore o, in solido, i difensori costituiti.».
6.
All'articolo 1, comma 309, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, dopo le parole: «degli uffici giudiziari», sono inserite le seguenti «e allo stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per le spese riguardanti il funzionamento del Consiglio di Stato e dei Tribunali amministrativi regionali».  

Procedimenti con valore determinato
scaglione Euro
di valore inferiore a  Euro 1.100,00 30,00
di valore superiore a Euro 1.100,00 e fino a Euro 5.200,00 70,00
di valore superiore a Euro  5.200,00 e fino a Euro 26.000,00 170,00
di valore superiore a Euro 26.000,00 e fino a Euro 52.000,00 340,00
di valore superiore a Euro 52.000,00 e fino a Euro 260.000,00 500,00
di valore superiore a Euro 260.000,00 e fino a Euro 520.000,00 800,00
di valore superiore a Euro 520.000,00 1.110,00
Procedimenti con valore indeterminabile
civili e amministrativi
(si considerano di valore superiore a Euro 26.000,00 e fino a Euro 52.000,00)
340,00
di competenza esclusiva del giudice di pace
(si considerano di valore superiore a Euro 5.200,00 e fino a Euro 26.000,00)
170,00
Procedimenti con valore non dichiarato nell’atto
Si considerano di valore superiore a Euro 520.000,00 1.110,00
Azione civile nel procedimento penale
Il contributo è dovuto solo in caso di richiesta e poi di condanna al pagamento di una somma di denaro.
Non è soggetto al pagamento del contributo l'esercizio dell'azione civile nel procedimento penale nel caso in cui sia richiesta solo la pronuncia di condanna generica del responsabile. esente
Il contributo e' dovuto invece nel caso di richiesta di condanna al pagamento di una somma a titolo di risarcimento danno ed in caso di accoglimento della domanda.  Il contributo, in detta ipotesi,  viene determinato in relazione all'importo liquidato in sentenza. vedere tab. scaglioni

 

- PROCEDIMENTI SPECIALI ( Libro IV, Titolo I, Capo I,II,III e IV c.p.c.)
- Procedimenti d'ingiunzione - Capo I (artt. da 633 bis a 656 ) c.p.c. Contributo corrispondente al valore della causa di merito, ridotto della metà.
- Procedimenti per convalida di sfratto - Capo II (artt. da 657 a 669) c.p.c. Contributo ridotto alla metà rispetto al valore.
Il valore dei procedimenti di sfratto per morosità si determina in base all’importo dei canoni non corrisposti alla data di notifica dell’atto di citazione per la convalida.
Il valore dei procedimenti di sfratto per finita locazione si determina in base all’ammontare del canone annuo.
- PROCEDIMENTI CAUTELARI- Capo III (artt. da 669 bis a 702 ) c.p.c.
- Procedimenti cautelari in generale (artt. da 669 bis a 669 quaterdecies) c.p.c. Contributo corrispondente al valore della causa di merito, ridotto della metà.
- Sequestro (artt. da 670 a 687) c.p.c.  
- Denuncia di nuova opera e danno temuto (artt. da 689 a 691) c.p.c.  
- Procedimenti di istruzione preventiva (artt. da 692 a 699) c.p.c.  
- Provvedimenti d'urgenza (artt. da 700 a 702) c.p.c.  
- Procedimenti possessori (artt. da 703 a 705) c.p.c.  
Secondo quanto previsto dalla Circolare del Ministero della Giustizia n° 5 del 31.7.2002 i procedimenti possessori, pur se strutturati in due fasi (l’una di cognizione sommaria e l’altra a cognizione piena), mantengono comunque una connotazione unitaria, pertanto, il contributo unificato si paga solo una volta.
- PROCEDIMENTI DI VOLONTARIA GIURISDIZIONE E PROCEDIMENTI IN CAMERA DI CONSIGLIO
- Procedimenti di volontaria giurisdizione
€ 70,00
- Procedimenti in Camera di Consiglio - Libro IV, Titolo II (artt. da 737 a 742 bis) c.p.c.
€ 70,00
- Reclami contro i provvedimenti cautelari (Circolare Ministeriale n. 5 del 31-07-2002)
€ 70,00
- ESECUZIONE
- Procedimenti di Esecuzione Immobiliare
€ 200,00
- Procedimenti di Esecuzione Mobiliare (di importo pari o superiore a € 2.500)
€ 100,00
- Procedimenti di opposizione agli atti esecutivi
€ 120,00
- Procedimenti esecutivi per consegna o rilascio
ESENTE
- Procedimenti inerenti a procedure esecutive mobiliari di importo inferiore a € 2.500
ESENTE
- Opposizione all'esecuzione
A seconda del valore della causa
- Opposizione di terzo all'esecuzione
A seconda del valore della causa
- FALLIMENTI
- Per le procedure fallimentari, dalle sentenze dichiarative di fallimento alla chiusura € 672,00
- Opposizione alla sentenza dichiarativa di fallimento Metà del contributo dovuto per il corrispondente valore della sentenza impugnata
- Procedimenti in Camera di Consiglio del Tribunale Fallimentare € 70,00
- Ricorso per insinuazione tardiva E' dovuto il contributo unificato corrispondente al valore del credito per cui si procede
- Istanza tempestiva di ammissione al passivo fallimentare Non è dovuto il contributo unificato e l'istanza va prodotta in carta semplice
- LOCAZIONI, COMODATO, ecc.
- Procedimenti in materia di locazione € 103,30
- Procedimenti in materia di comodato € 103,30
- Occupazione senza titolo € 103,30
- Impugnazione di delibere condominiali € 103,30
- OPPOSIZIONI A DECRETI INGIUNTIVI
- Opposizione a decreto ingiuntivo Metà del contributo dovuto per il corrispondente valore della causa
- PROCEDIMENTI ESENTI
- Procedimenti cautelari attivati in corso di causa ESENTE
Si precisa, però, che il reclamo avverso tali provvedimenti è, viceversa, soggetto al pagamento del contributo unificato previsto per i procedimenti in camera di consiglio, pari ad € 70,00 (vedi circolare n° 5 del 31.7.2002).
- Procedimenti di regolamento di competenza e giurisdizione ESENTE
- Procedimenti di rettificazione di stato civile ESENTE
- Procedimenti in materia di equa riparazione ex lege 89/2001 ESENTE
- Procedimenti in materia tavolare ESENTE
- Procedimenti esecutivi e per consegna e rilascio (artt. 605 e segg. c.p.c.) ESENTE
- Procedimenti inerenti a procedure esecutive mobiliari di valore inferiore a € 2.500
ESENTE
- PROCEDIMENTI DI CUI AL LIBRO QUARTO, TIT. II, CAPI I,II,III,IV E V c.p.c.
- Separazioni personali dei coniugi Capo I (da art. 706 a 711 cpc)
ESENTE
- Interdizione e inabilitazione Capo II  (artt. da 712 a 720 cpc)
ESENTE
- Dichiarazione di assenza e morte presunta Capo III  (artt. da 721 a 731 cpc)
ESENTE
- Disposizioni relative ai minori interdetti e inabilitati Capo IV  (artt. da 732 a 734 cpc)
ESENTE
- Rapporti patrimoniali tra coniugi Capo V  (artt. da 735 a 736 cpc)
ESENTE
- Procedimenti in Camera di Consiglio - Libro IV, Titolo II (artt. da 737 a 742 bis) c.p.c.
ESENTE
- Procedimenti in materia di lavoro e previdenza sociale
ESENTE
- Assegno di mantenimento
ESENTE
- Insinuazione tempestiva nel passivo fallimentare
ESENTE
- Provvedimenti in materia di famiglia e stato delle persone
ESENTE
- Riassunzione processi interrotti, sospesi o cancellati
ESENTE
- Iscrizione dei giornali e periodici nel registro della stampa (Vedi nota ministeriale prot. 1/13395 del 22-10-2003)
ESENTE
- Procedimenti anche esecutivi, di opposizione e cautelari, in materia di assegni per il mantenimento della prole, nonché quelli comunque riguardante la stessa.
ESENTE
In base alla Circolare n° 5 del 31.7.2002 deve ritenersi che l’esenzione riguardi tutti i  procedimenti “comunque” relativi alla prole intesa come persone minori di età, indipendentemente dal diverso giudice competente. Sono compresi, pertanto, anche i procedimenti di competenza del giudice tutelare.

 

Modifiche introdotte dalla Finanziaria 2005

309. All’articolo 10, comma 4, del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, le parole: «il processo di valore inferiore a euro 1.100 e» sono soppresse.
310.
I commi 1 e 2 dell’articolo 13 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, sono sostituiti dai seguenti:
«1. Il contributo unificato è dovuto nei seguenti importi:
a) euro 30 per i processi di valore fino a 1.100 euro;
b) euro 70 per i processi di valore superiore a euro 1.100 e fino a euro 5.200 e per i processi di volontaria giurisdizione, nonché per i processi speciali di cui al libro IV, titolo II, capo VI, del codice di procedura civile;
c) euro 170 per i processi di valore superiore a euro 5.200 e fino a euro 26.000 e per i processi contenziosi di valore indeterminabile di competenza esclusiva del giudice di pace;
d) euro 340 per i processi di valore superiore a euro 26.000 e fino a euro 52.000 e per i processi civili e amministrativi di valore indeterminabile;
e) euro 500 per i processi di valore superiore a euro 52.000 e fino a euro 260.000;
f) euro 800 per i processi di valore superiore a euro 260.000 e fino a euro 520.000;
g) euro 1.110 per i processi di valore superiore a euro 520.000.
2. Per i processi di esecuzione immobiliare il contributo dovuto è pari a euro 200. Per gli altri processi esecutivi lo stesso importo è ridotto della metà. Per i processi di opposizione agli atti esecutivi il contributo dovuto è pari a euro 120».
311.
L’articolo 46, comma 1, della legge 21 novembre 1991, n. 374, è sostituito dal seguente:
«1. Le cause e le attività conciliative in sede non contenziosa il cui valore non eccede la somma di euro 1.033,00 e gli atti e i provvedimenti ad esse relativi sono soggetti soltanto al pagamento del contributo unificato, secondo gli importi previsti dall’articolo 13 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, e successive modificazioni»
312.
Il maggior gettito derivante dall’applicazione delle disposizioni di cui ai commi da 309 a 311 è versato al bilancio dello Stato, per essere riassegnato allo stato di previsione del Ministero della giustizia per il pagamento di debiti pregressi nonché per l’adeguamento delle spese di funzionamento degli uffici giudiziari.

 

Modalità di pagamento del Contributo unificato

Il contributo unificato può essere pagato:
- MEDIANTE MODELLO F23 (codice tributo 941T)
- MEDIANTE APPOSITO BOLLETTINO CONTO CORRENTE POSTALE
(conto n°57152043 intesto a “Tesoreria provinciale di Viterbo – versamento contributo unificato spese atti giudiziari decreto del Presidente della Repubblica n°126/2001”)
- PRESSO I TABACCAI

 

Tabella dei codici degli enti diversi dagli uffici finanziari
(tabella completa aggiornata il 1° marzo 2002)

 

DESCRIZIONE CODICE ENTE NOTE
Consiglio di Stato
9S9
 
Giudice di pace
9C3
(4)
Pretura
9A9
(3) (4)
Tribunale
9B0
(3) (4)
Tribunale amministrativo regionale
9T9
(5)
Tribunale di sorveglianza
Nxx
(2)
Tribunale militare
1xx
(2)
Tribunale militare di sorveglianza
DAE
 
Tribunale minorile
Pxx
(2)
Tribunale superiore acque
8AE
 
Ufficio di Sorveglianza
Sxx
(2)
Corte Suprema di Cassazione
4AE
 
LEGENDA    
(1) codice da utilizzare solo per contesti in materia di norme anti-riciclaggio    
(2) i caratteri xx devono essere sostituiti dalla sigla automobilistica della provincia di appartenenza dell'Ente    
(3) indicare nello spazio subcodice del campo 6.ufficio o ente l'identificativo dell'Ente    
(per es. la lettera D per la ASL RM/D)    
(4) indicare nel campo 7.cod.territoriale il codice del comune di ubicazione dell'Ente    
(5) indicare nello spazio subcodice del campo 6.ufficio o ente il codice della Regione/Provincia autonoma    

Parole chiave





LINK CORRELATI

logo

Avvocati.it si rinnova!

Avvocati.it è stato il primo portale italiano sul web, interamente dedicato ai servizi per gli studi legali.
Nato nel 2000, per rispondere alle esigenze in costante evoluzione del mondo giuridico e della professione forense, in pochi anni il sito è riuscito a focalizzare l’interesse di oltre 15 milioni di visitatori che hanno contribuito, in modo del tutto spontaneo, a farlo diventare uno dei siti giuridici più importanti del panorama italiano, perchè ricco di strumenti di facile utilizzo e di materiali da consultare, sempre nel pieno rispetto della deontologia forense.
Dieci anni di costante crescita - sia come numero di visitatori che come pagine visitate - sempre ai vertici di molti motori di ricerca.
Era giunto il momento di andare oltre e di raggiungere insieme un nuovo importante obiettivo: trasformare Avvocati.it da sito di utilità quotidiana a luogo d'incontro per tutti coloro che vogliono formarsi e informarsi sul "pianeta avvocati".
Siamo partiti dalla ricostruzione grafica e non è stato semplice ripensare la struttura di un sito che per tutto questo tempo è rimasto praticamente immutato.
Abbiamo cercato di conservare quel senso di ambiente familiare, quasi privato, trasformando il portale in uno spazio più ampio, in cui incontrarsi, partecipare e dove condividere con gli altri utenti nuovi contenuti.
E’ in questa logica dell’incontro che abbiamo realizzato il nuovo Avvocati.it, una Piazza Virtuale, in cui passeggiare tra le diverse sezioni per incontrare colleghi con cui scambiare osservazioni e commenti, lasciare propri contributi e parlare del proprio quotidiano, utilizzare gli strumenti già ampiamente conosciuti. Il tutto con la stessa libertà di azione che ha sempre contraddistinto Avvocati.it.
La missione di Avvocati.it non cambia: fornire al professionista gli strumenti più adatti per migliorare l'efficienza della propria organizzazione e per contribuire alla propria crescita professionale.
non visualizzare piu chiudi